Riscaldamento


Parlare oggi di impianti di riscaldamento significa concentrarsi sul concetto di risparmio energetico, unitamente alla crescita della sensibilità dei cittadini in tema di rispetto ambientale.

Le soluzioni presenti sul mercato non prescindono da questo binomio strategico. Le tipologie attualmente più funzionali e rispondenti a tale prerogativa sono:

Soluzioni ibride, impianti in cui sono presenti più generatori alimentati da diverse fonti di energia, solitamente una fonte rinnovabile integrata da una fonte a combustibile fossile (gas, gasolio). Tra le varie combinazioni, sicuramente quella con maggiore resa è l’abbinamento pompa di calore ad aria con caldaia a gas. Tale sistema, in termini di efficienza, rispetto ad un impianto con caldaia tradizionali, può abbattere i costi del 50%.

Caldaie a condensazione: una soluzione che garantisce, rispetto al passato un risparmio di circa il 30% in bolletta. Tali caldaie (classe A) basano il loro funzionamento sul recupero dei fumi per il riscaldamento dell’acqua. Abbinarla ad un impianto a pavimento produce la resa migliore, con un’ottima e omogenea diffusione del calore, grazie all’acqua che circola nella serpentina ad appena 30° di temperatura.

Solare Termico: Uno dei sistemi innovativi sempre più apprezzato è l’impianto a pannelli solari termici che viene integrato a una caldaia a condensazione per il solo riscaldamento, una pompa per la circolazione dell’acqua, un serbatoio di accumulo ed uno o più pannelli per catturare il calore del sole. Installando un impianto di questo tipo si sfrutta il calore del sole per la produzione di acqua calda sanitaria.

Gli impianti di riscaldamento possono essere a battiscopa (installati lungo il perimetro delle stanze al posto del battiscopa con un’efficiente diffusione del calore), a pavimento (tramite un sistema radiante a pannelli) o tramite i tradizionali radiatori (di diverse tipologie).

 

 

CASI DI SUCCESSO: Impianti meccanici